Zone climatiche Italia 2019-2020

" Le zone climatiche in Italia per il 2019-2020 seguono le direttive del DPR emanato nel 1993. Vediamo assieme di cosa si tratta e come e perché condizionano il riscaldamento domestico. "

Data: 20/11/19 | Vista: 2534

Zone climatiche Italia 2019-2020

Zone climatiche Italia 2019-2020, le indicazioni del DPR

Le zone climatiche in Italia per il 2019-2020 non differiscono affatto da quelle solite, in quanto sono prestabilite da una precisa normativa, ovvero il DPR n.412 del 26 agosto 1993 che tratta il Regolamento recante norme per la progettazione, l'installazione, l'esercizio e la manutenzione degli impianti termici degli edifici ai fini del contenimento dei consumi di energia, in attuazione dell'art. 4, comma 4, della L. 9 gennaio 1991, n. 10. 

Prima di entrare nel dettaglio del nostro argomento di oggi, ti ricordiamo che il nostro centro assistenza per caldaie e scaldabagni Riello a Roma è attivo sempre, 7 giorni su 7, compresi i festivi ed il week end: contattaci per maggiori info!

Cosa sono le zone climatiche e perché sono importanti

All'interno del DPR, il nostro Paese viene diviso in 6 diverse zone climatiche, raggruppando specifici comuni in base al microclima che i residenti si trovano a fronteggiare: si va dalla fascia A che è quella dove gli inverni sono più brevi e meno rigidi, fino ad arrivare alla zona F, cioè quella che presenta un clima più continentale. 

Questa suddivisione è importante perché consente, sia a livello domestico, che pubblico ed industriale, di conoscere le date di accensione e di spegnimento del riscaldamento, così come le ore massime di accensione di questi. Infatti, il DPR si ricollega alle normative europee relative alla gestione e sicurezza degli impianti termici, stabilendo indicazioni severe da osservare assolutamente. 

Quali sono le zone climatiche

Vediamo assieme quali sono le zone climatiche in Italia: 

  • Zona Climatica A: dal 1° dicembre al 15 marzo. Accensione per massimo 6 ore al giorno
  • Zona Climatica B: dal 1° dicembre al 31 marzo. Accensione per massimo 8 ore giornaliere
  • Zona Climatica C: dal 15 novembre al 31 marzo. Accensione per massimo 10 ore al giorno
  • Zona Climatica D: dal 1° novembre al 15 aprile. Accensione per massimo 12 ore al giorno
  • Zona Climatica E: dal 15 ottobre al 15 aprile. Accensione per massimo 14 ore giornaliere
  • Zona Climatica F: nessuna limitazione

Due precisazioni. La prima è relativa al fatto che, in particolari condizioni atmosferiche, il Sindaco del singolo Comune può decidere per un anticipo o posticipo dell'accensione o dello spegnimento del riscaldamento. La seconda, invece, riguarda le indicazioni di “nessuna limitazione” valide per i residenti della zona climatica F, poiché in questo caso esiste comunque una limitazione: il riscaldamento può restare acceso solo nell'arco temporale che va dalle ore 5 alle 23.

Cerchi assistenza a Roma per la tua caldaia o scaldabagno Riello? Contattaci, siamo a tua completa disposizione!

Richiedi Informazioni

"Zone climatiche Italia 2019-2020 "

Voto: 5 su 5
di 1 votanti.

Voti Articolo


Torna Su
Aiuto
Richiedi Assistenza