Clima e tecnologia tra termostato e cronotermostato che differenza c’è?

in
Clima e tecnologia tra termostato e cronotermostato che differenza c’è?

Confronto tra termostato e cronotermostato: differenza, usi e funzioni

Vuoi aumentare il comfort della tua casa fornendo il giusto calore e, allo stesso tempo, eliminare gli sprechi energetici e i consumi in bolletta? Per farlo, puoi installare un termostato o un cronotermostato, apparecchi in grado di gestire l’attività della caldaia e dunque regolare la temperatura dell’ambiente in cui sono inseriti sulla base delle tue preferenze.

Spesso si tende a pensare erroneamente che siano la stessa cosa, invece tra termostato e cronotermostato la differenza c’è. In questo articolo vogliamo proprio parlarvi di questi due apparecchi e del loro funzionamento.

Termostato e cronotermostato: differenza tra due apparecchi fondamentali

Il funzionamento del termostato e del cronotermostato è tutto sommato analogo, nonostante alcune differenze sostanziali tra i due apparecchi. Sono infatti entrambi collegati direttamente alla caldaia e hanno l’obiettivo di regolare il lavoro dell’impianto di riscaldamento sulla base della temperatura impostata nell’ambiente in cui sono posizionati.

Vediamo come funzionano e quali sono le caratteristiche di termostato e cronotermostato.

  • Termostato: percepisce le variazioni di temperatura all’interno di una casa e invia un segnale di accensione della caldaia, al fine di raggiungere la temperatura impostata. Può essere analogico o digitale, sebbene quest’ultimo modello stia pian piano sostituendo completamente quello più antico.
  • Cronotermostato: dispositivo obbligatorio per legge da quasi 30 anni (DPR 412/93 – DL 46/90), serve a tenere sotto controllo la temperatura della tua abitazione nelle sue diverse aree. Rispetto al termostato è dotato di ulteriori funzioni, come la programmazione temporale.

Il cronotermostato digitale consente di decidere a che ora della giornata il tuo ambiente deve raggiungere la temperatura impostata, allineando l’impianto di riscaldamento alle tue abitudini quotidiane. Così facendo, riduci al minimo gli sprechi energetici evitando che la caldaia si accenda quando non è necessario, e puoi decidere di impostare l’avvio del riscaldamento domestico poco prima dell’ora in cui di solito torni da lavoro, in modo da essere accolto da un ambiente caldo, alla temperatura che hai scelto tu.

I modelli più nuovi di cronotermostato supportano la funzione di controllo a distanza, cioè permettono di regolare la temperatura grazie a un’app per dispositivi mobili, sfruttando la rete wi-fi. In questo modo sarà possibile modificare le impostazioni da remoto, in modo da sopperire a eventuali imprevisti, risparmiando ulteriormente energia senza perdere comfort.

Tra termostato e cronotermostato la differenza principale è dunque la possibilità di programmare l’orario di accensione e di spegnimento

Chi può installare un termostato o un cronotermostato?

Sicuramente ora avrai più chiaro tra termostato e cronotermostato che differenza c’è e puoi quindi iniziare a orientare la tua scelta sulla base di quelle che sono le tue esigenze.

Per installare il tuo dispositivo affidati a chi può garantirti professionalità ed esperienza, perché anche solo posizionare l’apparecchio in un luogo sbagliato della casa può ridurre la qualità delle sue performance.

Domus Riello ha esperienza pluriennale nell’installazione, manutenzione e riparazione di impianti di riscaldamento e di refrigerazione. Il nostro personale, qualificato e sempre aggiornato, è a tua disposizione per assicurarti la manutenzione ordinaria e una vasta gamma di servizi.

Contattaci per richiedere qualsiasi tipo di informazione o per fissare un appuntamento, anche per acquistare caldaie in offerta e il tuo prossimo cronotermostato.

Qual è la differenza principale tra un termostato e un cronotermostato?

La principale differenza tra un termostato e un cronotermostato è la capacità di programmazione. Il termostato regola la temperatura percependo le variazioni termiche e accendendo la caldaia per raggiungere la temperatura impostata. Può essere analogico o digitale. Il cronotermostato, invece, offre funzioni avanzate come la programmazione temporale, che consente di impostare orari specifici per l’accensione e lo spegnimento del riscaldamento, adattandosi alle abitudini quotidiane e riducendo gli sprechi energetici.

Quali sono i vantaggi di utilizzare un cronotermostato rispetto a un termostato tradizionale?

Utilizzare un cronotermostato offre numerosi vantaggi rispetto a un termostato tradizionale. Innanzitutto, permette la programmazione temporale, il che significa che puoi decidere esattamente quando accendere e spegnere il riscaldamento in base alle tue routine quotidiane, migliorando l’efficienza energetica e riducendo i costi. Inoltre, molti modelli moderni supportano il controllo a distanza tramite app mobili e Wi-Fi, consentendo di regolare la temperatura da remoto e di adattarsi rapidamente a cambiamenti imprevisti nei tuoi piani.

È obbligatorio avere un cronotermostato per legge?

Sì, il cronotermostato è obbligatorio per legge da quasi 30 anni, in conformità con il DPR 412/93 e il DL 46/90. Questa normativa è stata introdotta per migliorare l’efficienza energetica delle abitazioni, garantendo un controllo più preciso della temperatura e riducendo gli sprechi energetici.